Il costo del condizionatore in bolletta, per il raffrescamento della casa in piena estate, è sufficiente per farti sudare, a prescindere dal caldo torrido.

Ogni anno arriva puntuale quel pensiero che pervade la tua testa: “perché non ho ancora acquistato un condizionatore?”. La risposta è semplice: ogni estate resisti stoicamente al caldo e all’afa, rimandando l’acquisto di anno in anno. Il timore che il peso economico del condizionatore in bolletta si faccia sentire è alto, ma è l’unico modo per rinfrescare casa e trovare quel benessere di cui hai bisogno.

Sia che tu lavori in smart working, o che abbia i tuoi figli a casa, o magari genitori anziani da accudire, non puoi rinunciare alla piacevolezza dell’aria condizionata, ma puoi e devi trovare il modo per ridurre i costi.

 

Quanto incide il condizionatore in bolletta

 

La domanda cruciale è: ma quanto costa un condizionatore all’ora? Scheda tecnica del condizionatore alla mano, puoi trovare il dato sul consumo energetico massimo e minimo in modalità di raffreddamento. Individuato il range di potenza, fai una media e dividila per mille. È così che ottieni la quantità di energia consumata in kWh.

A questo punto, moltiplica il dato ottenuto per il prezzo lordo al kWh applicato dal tuo fornitore di energia elettrica. Ecco che hai subito una stima in euro di quanto incida il condizionatore in bolletta.

La cattiva notizia è che dopo esserti perso in questi calcoli, in realtà il valore che hai ottenuto è indicativo, poiché soggetto a diverse variabili. Ad esempio:

  • posizione in cui è costruita la tua casa;
  • oscillazioni climatiche;
  • dimensioni ed esposizione della stanza dove posizioni il condizionatore;
  • tipo di attività svolte all’interno della stanza, poiché c’è differenza tra la cucina, dove si accendono i fornelli, e la camera da letto.

 

Se vuoi conoscere con esattezza quanto consuma il tuo condizionatore, puoi acquistare un misuratore di corrente. In questo modo puoi monitorare quanta energia consumi ogni volta che lo accendi.

Ma se non vuoi rinunciare al fresco e vuoi goderti l’estate senza l’ansia da bolletta, ecco qualche consiglio pratico per ridurre i costi. Mettili subito in atto e non dovrai aspettare, ancora una volta, che arrivi il prossimo anno.

 

5 consigli per diminuire i costi del condizionatore in bolletta

 

Fatte le considerazioni del caso, passa all’azione. Di seguito trovi 5 consigli concreti per ridurre gli sprechi di energia e far fruttare il tuo condizionatore al massimo, riducendo al minimo i sensi di colpa quando clicchi sul tasto “on”.

 

#1 La classe conta

 

Se ti trovi a dover scegliere di acquistare un condizionatore, non avere dubbi e punta sulla classe energetica più elevata A: alta efficienza e consumi inferiori.

Inoltre, meglio optare per un condizionatore con tecnologia inverter, anziché i modelli ormai obsoleti on-off. Il condizionatore a inverter funziona adattandosi alla temperatura dell’ambiente da raffreddare e modifica la sua potenza in modo automatico, con un consumo di energia elettrica adeguato. Infatti, raggiunta la temperatura desiderata, la velocità del motore rallenta e il consumo di energia si riduce.

Tieni anche presente che la potenza del climatizzatore deve essere proporzionata alle dimensioni dell’ambiente in cui lo posizioni: se ne scegli uno non adeguato, dovrà lavorare più del necessario per rinfrescare, magari non riuscendoci e consumando più del dovuto.

Se vuoi sapere come scegliere il condizionatore perfetto per te, trovi informazioni utili in questo articolo: Come scegliere il condizionatore ideale per la tua casa.

 

#2 Le basi: piccoli accorgimenti, grande risparmio

 

Può sembrare scontato ma se metti in atto qualche strategia preventiva, puoi contenere i costi del condizionatore:

  • chiudi le porte e le finestre durante il giorno, per trattenere il fresco all’interno della casa il più possibile;
  • abbassa le tapparelle o tieni serrate le ante, per ridurre il calore che proviene dall’esterno;
  • apri le tende da sole esterne, per aumentare l’ombra e bloccare l’azione del sole;
  • spegni le luci che non ti servono;
  • evita cotture lunghe dei cibi e l’utilizzo del forno durante le ore più calde;
  • tieni chiuse le porte delle stanze.

 

Sono piccoli accorgimenti che, se trasformati in abitudini, ti permettono di ottenere subito dei benefici e di ridurre l’impatto del climatizzatore in bolletta.

 

#3 Attenzione alla temperatura

 

Non è necessario impostare temperature da ghiacciaia. L’ideale è mantenere una differenza di 5 o 6°C tra temperatura interna ed esterna. Questo ti consente di evitare sbalzi termici che possono essere dannosi per la tua salute.

A questo proposito, meglio modificare la temperatura gradualmente e soprattutto non lasciare acceso il condizionatore tutto il giorno. Programma l’accensione e lo spegnimento, per evitare situazioni in cui sei costretto a far funzionare il condizionatore al massimo della potenza. Eviti un’impennata dei consumi e riduci i costi.

 

#4 La manutenzione: riduci i costi di funzionamento

 

Altro aspetto fondamentale, per ridurre i costi, è la manutenzione programmata del condizionatore. Un apparecchio controllato e ben tenuto garantisce un funzionamento ottimale e prestazioni al massimo dell’efficienza.

Infatti, devi sapere che nel condizionatore si accumulano batteri, polvere e sporcizia, che ostruiscono il flusso dell’aria. Nel tempo, il motore e gli elementi interni dovranno lavorare sempre di più, ovvero consumare più energia elettrica, per raggiungere e mantenere la temperatura impostata.

 

#5 Costo dell’energia

 

Il fattore decisivo per ridurre i costi del condizionatore in bolletta? Sottoscrivere un contratto con tariffe luce convenienti, in base alle tue abitudini di consumo.

Ecco perché, se hai ancora un contratto in regime di maggior tutela, potresti iniziare subito a valutare e confrontare le offerte del mercato libero. Troverai opzioni più vantaggiose e flessibili, studiate per soddisfare le tue necessità.

 

condizionatore-in-bolletta-come-risparmiare

Come contenere i costi del condizionatore in bolletta

 

Condizionatore in bolletta: risparmia con il bonus condizionatori

 

In questo periodo in cui esiste un bonus per tutto, la Legge di bilancio 2020 ha confermato il Bonus condizionatori. Puoi approfittare di uno sconto del 50% o del 65%, se decidi di acquistare o sostituire un condizionatore. Hai tempo fino al 31 dicembre 2020, mentre per i condomini la scadenza è il 31 dicembre 2021.

È vero, non puoi controllare la temperatura esterna, ma ci sono alcune semplici azioni che possono rendere la tua casa più fresca e ridurre i costi. Assicurati di acquistare un condizionatore con la potenza adatta per rinfrescare i locali di casa, e segui i consigli che ti abbiamo suggerito. Vedrai che potrai risparmiare denaro e battere il caldo.

Gruppo Sinergy ti aiuta a trovare le soluzioni più efficaci per risparmiare sulla tua bolletta. Contattaci senza impegno e scopri subito le nostre migliori offerte luce e gas.

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

[fbcomments]
Post Raccomandati