Il fitwalking è un’attività sportiva non agonistica adatta a tutte le età, che unisce molteplici benefici ad un’azione naturale come quella di camminare.

È risaputo che fare sport migliora la qualità della vita, ma, spesso, non è semplice trovare le condizioni favorevoli per un po’ di esercizio fisico o per seguire corsi specifici.

Adottando alcuni accorgimenti tecnici, la tipica camminata veloce del fitwalking ti permette di ottenere un buon rendimento in termini di salute e benessere psicofisico.

Vediamo meglio cos’è il fitwalking e come metterlo in pratica.

 

Cos’è il fitwalking

 

In generale il fitwalking non è una semplice passeggiata, bensì prevede di camminare a passo veloce mantenendo un ritmo, seppur moderato, e un movimento costante per un certo tempo.

Si tratta di un’attività outdoor che permette di fare esercizio fisico senza sovraccaricare le strutture muscolari, articolari e ossee.

Il termine è stato adottato dall’ex marciatore Maurizio Damilano, campione olimpico a Mosca nel 1980, che nel 2001 ha importato dagli Stati Uniti in Italia la disciplina del Power Walking, una camminata potenziata.

Maurizio, assieme al fratello Giorgio, ha sviluppato un metodo che ottimizza gli effetti positivi della camminata grazie all’inserimento di esercizi e accorgimenti presi dalla sua specialità, la marcia.

Innanzitutto, puoi individuare tra i 3 stili proposti l’approccio più idoneo alla tua preparazione fisica:

1. life style: è la scelta di coloro che vogliono camminare come momento di svago, amano muoversi a piedi in varie situazioni ponendo attenzione ai movimenti di questa attività, per questo basterà vestire comodamente e rilassarsi con passo dolce e braccia sciolte;

2. performer style: adatto alle persone con spirito sportivo che alla passeggiata aggiungono aspetti più legati al fitness, le braccia sono piegate a 90° e si muovono con movimento opposto alle gambe, il passo è più ampio per migliorare capacità fisiche e resistenza, andamento maggiormente dinamico per risultati anche estetici (per es. camminare per dimagrire o tonificare tutto il sistema muscolare);

3. sport style: è una camminata sportiva a passo molto sostenuto, le braccia piegate a 90° oscillano con energia in corrispondenza della gamba opposta, in questo modo la fase di spinta del piede è più intensa (viene indicata col termine “rullata”). È un tipo di allenamento utile per partecipare a eventi o per prepararsi a lunghe camminate. Questo livello sviluppa un profondo lavoro fisico e permette di misurarsi con se stessi e con gli altri.

 

Fitwalking: tecnica e programma di allenamento

 

Adottare una corretta tecnica di fitwalking significa porre attenzione alla meccanica del movimento.

Ecco i diversi aspetti da tenere in considerazione:

  • tronco e postura: il tronco deve essere in asse con le gambe, in questo modo la zona dorsale non è sotto stress e le anche possono muoversi liberamente; per trovare la postura corretta pensa a un’ipotetica linea che congiunge il malleolo (osso della caviglia che sporge nella parte interna della gamba) con la testa.

 

  • piedi e gambe: durante il passo, il piede viene appoggiato dalla parte del tacco in posizione leggermente esterna, quindi aderisce completamente al suolo portando l’appoggio progressivamente verso l’interno fino a staccarsi in corrispondenza e con la spinta della punta dell’alluce; le gambe assecondano questo movimento in maniera energica, né troppo molli né troppo rigide, così da sentire l’intervento muscolare nell’avanzamento;

 

  • braccia: danno un impulso fondamentale nella camminata, soprattutto se si aumenta la velocità. Le braccia vengono fatte oscillare in sincrono opposto al movimento delle gambe così da aiutare l’equilibrio posturale, il gomito piegato a 90° si alza quasi a livello della scapola mentre la mano rimane all’altezza tra ombelico e sterno; nonostante possa sembrare complesso, è un gesto che risulta naturale appena aumenti l’andatura;

 

  • spalle, collo e testa: tutta la parte alta deve rimanere rilassata, le spalle morbide verso il basso e nessuna contrazione per testa e cervicale, collo e testa sono un tutt’uno, tenuti ben dritti sul tronco con naturalezza.

 

Un programma di allenamento di fitwalking deve iniziare con l’analisi di eventuali problemi posturali che potranno indicarti quale approccio è più adatto a te.

Tieni presente che l’assimilazione della tecnica corretta di cammino si acquisisce col tempo e con gradualità: si tratta di sostituire delle abitudini di movimento con altre più efficaci e adatte a una camminata prolungata.

Come in qualsiasi allenamento aerobico, anche nel fitwalking è fondamentale il fattore di continuità dell’esercizio: puoi iniziare con un paio di volte a settimana e poi passare a 3 o 4.

La velocità di camminata ottimale è di media intensità, maggiore rispetto all’andamento del tuo cammino tradizionale, con un occhio di riguardo  ai personali periodi di recupero per gestire la fatica.

Se vuoi che i miglioramenti siano duraturi, puoi camminare tutti i giorni facendo sempre attenzione a incrementare l’impegno (tempo, lunghezza dei passi e del percorso) in maniera progressiva.

Al contrario di altri sport, questo è praticabile tutto l’anno. Con un adeguato abbigliamento per fitwalking, come ad esempio i tessuti acrilici di nuova generazione che non trattengono il sudore a contatto con la pelle e mantengono la temperatura corporea, puoi scegliere di vestirti a strati per stare comodo e ben riparato a seconda delle stagioni e del meteo.

Le migliori scarpe da fitwalking, invece, sono quelle che facilitano l’azione corretta del piede: possibilmente, acquista una scarpa da walking e non da running, perché hanno due concezioni di appoggio molto diverse.

 

fitwalking-benefici

Tenersi in forma con il fitwalking: ecco tutti i benefici della camminata veloce

 

Fitwalking: tutti i benefici della camminata veloce

 

I benefici della camminata veloce coinvolgono molti aspetti:

  • fisico: è un ottimo sport per mantenersi in forma, rispetto al running produce meno impatto sulle articolazioni, restituisce elasticità fisica, tonifica e rafforza i muscoli, corregge la postura e migliora l’equilibrio, potenzia cuore e polmoni e permette di dimagrire;
  • psicologico: regala un senso di libertà di movimento, gode dei vantaggi di un’attività all’aria aperta e, per questo, ossigena il corpo e carica di energia;
  • sociale: in una camminata da performer style è possibile chiacchierare e godersi del tempo con amici e familiari.

 

Insomma, le motivazioni per provare il fitwalking sono davvero numerose: scegli tu la location che preferisci e goditi i molteplici benefici di una camminata salutare magari in compagnia!

Se invece preferisci fare escursioni tra i boschi, ecco alcuni consigli per affrontare il trekking in montagna.

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

[fbcomments]
Post Raccomandati