0 Condivisioni

I nuovi social network sono sempre più orientati al private social, per facilitare la connessione tra gli interessi che accomunano le persone. Google Shoelace nasce proprio per soddisfare questa necessità.

Quante volte ti sei perso tra le migliaia di post dei tuoi amici su Facebook, senza trovare qualcosa di interessante? Purtroppo, non tutti i contatti social condividono i tuoi hobby e le tue passioni. Il risultato è un feed di notizie noiose, che ti fanno solo perdere tempo.

Dunque, a pochi mesi dalla chiusura di Google+, la compagnia di Mountain View ci riprova e lancia Shoelace: un private social tematico su invito.

Google Shoelace, proprio come i lacci delle scarpe, ha l’obiettivo di creare legami tra le persone che si trovano vicino a te, sulla base di interessi comuni. Con la nuova piattaforma potrai condividere on-line le tue passioni e trasformarle in attività off-line, per viverle con chi le adora esattamente come te.

È ancora in versione beta, ma presenta aspetti molto interessanti, che meritano di essere approfonditi. Vediamo insieme cos’è e come funziona il nuovo social network di casa Google.

 

Nuovi social network: come funziona Google Shoelace

 

Ogni giorno, attraverso un algoritmo, Shoelace raccoglie ed elabora la posizione geografica, gli hobby e gli interessi delle persone iscritte. Poi, crea una mappa in cui ti mostra tutte le persone nelle vicinanze, con passioni e gusti simili ai tuoi; persone che potrebbero frequentare gli stessi luoghi.

Inoltre, crea un calendario di eventi in linea con i tuoi gusti, per non perderti mai nulla di quello che adori fare: un perfetto personal trainer per le tue attività social.

Facciamo un esempio pratico. Ti piace la musica punk rock, ma i tuoi amici declinano sempre i tuoi inviti? Su Shoelace puoi incontrare persone con i tuoi gusti musicali e scoprire che c’è un concerto a cui potreste partecipare insieme, proprio nelle vicinanze.

Tra i nuovi social network, Shoelace sembra essere la soluzione migliore anche per chi ha cambiato città da poco, e cerca nuovi amici nei dintorni. Non c’è dubbio: trasformare degli sconosciuti in amici è molto semplice, se inizi da chi ha i tuoi stessi interessi.

Per accedere a Shoelace ti basta scaricare l’app e registrarti con il tuo account Google, da qualsiasi dispositivo mobile (Android e iOS). Ora, però, arriva la parte più interessante. Dopo esserti iscritto, puoi entrare in contatto con gli altri utenti solo tramite i Loop. Ovvero, delle “attività“, che assomigliano pressappoco alle vecchie cerchie di Google+, a cui puoi richiedere di unirti. Tuttavia, l’accesso a queste attività non è così semplice.

Prima di entrare a far parte di un “Loop” dovrai partecipare a una selezione molto accurata. D’altronde, Shoelace lega insieme virtuale e reale, quindi Google deve garantire a tutti gli iscritti la possibilità di potersi relazionare con persone realmente interessate a un’attività specifica.

 

Nuovi social network

 

Quali sono le differenze tra Shoelace e i social network tradizionali

 

A quanto pare, dopo la chiusura di Google+, il colosso di Mountain View cambia rotta e si disconnette. Sì, proprio così. Shoelace è una piattaforma creata per indurre gli utenti a uscire di casa, staccarsi dal telefono e incontrare nuove persone.

Ti consentirà di conoscere nuovi amici con cui andare ai concerti, visitare un museo o fare una semplice partita a calcetto. L’obiettivo è quello di mettere in contatto le persone nella vita reale, invece di creare l’ennesima piazza virtuale in stile Facebook. Dunque, meno chat online e più discussioni guardandosi negli occhi.

A differenza di Instagram o Twitter, in cui tutti possono iscriversi e seguirti, Shoelace potremmo definirlo un social di nicchia. E, per ora, l’iscrizione è solo su invito. In questo modo, sono gli stessi iscritti a invitare persone che già conoscono, le quali potranno invitare un numero limitato di altri utenti. Si crea così una community reale, non esclusivamente virtuale.

È un social pensato per gruppi ristretti, quasi elitari. Soprattutto, se la procedura di entrata nei Loop rimarrà davvero selettiva, come sembra sia. Dunque, un vero Private Social, in cui le persone hanno la possibilità di organizzare i propri eventi e partecipare alle attività organizzate da altri.

Shoelace è il risultato del lavoro di Area 120, un incubatore di nuove idee all’interno del mondo Google. Per ora, sarà sostenuto dal contributo di utenti reali, che suggeriranno quotidianamente le attività e verificheranno le richieste delle persone, che vorranno accedere alle diverse community.

Non è da escludere che, nei piani di sviluppo del progetto, sia contemplata la presenza di specifici Community Manager, per gestire i contenuti in modo più ordinato e fluido.

 

Nuovi social network: il futuro dei social è privato e mette al centro gli interessi delle persone

 

Come avrai capito, Shoelace non è nato per essere un social network qualsiasi. Non importa quanti followers hai o quante interazioni riesci a ottenere. Ciò che interessa alle persone è creare interessanti relazioni sociali e trovare il modo giusto per condividere le proprie passioni.

Sembra un paradosso che proprio Google, il colosso dell’informatica, spinga le persone verso un approccio a nuovi social network orientati a farti uscire di casa e a mettere in tasca il telefono. Eppure, la tecnologia ha raggiunto ogni angolo della nostra vita e Google l’ha capito. Al lavoro, sei costretto a stare ore e ore al computer e l’unica cosa che vuoi, quando torni a casa, è dedicarti alle tue passioni e ai tuoi hobby.

Google Shoelace è l’app che mette le tue passioni al centro e ti offre un modo semplice e immediato, per conoscere nuove persone, con cui condividerle. A oggi, l’app è ancora in fase di test ed è disponibile solo in versione beta, nella zona di New York. Per l’uscita ufficiale dovremo aspettare ancora alcuni mesi.

Chissà, come avranno preso la notizia gli utenti “scaricati” da Google, con la chiusura di Google+. Saranno disposti a dargli ancora fiducia? Intanto, Google procede su più fronti e ha lanciato una piattaforma innovativa di gaming in streaming: scopri cos’è e come funziona Google Stadia.

0 Condivisioni

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

Comments

comments

Post Raccomandati