0 Condivisioni

Il rientro dalle ferie è un incubo per milioni di persone. Alcune non vorrebbero mai partire, solo per non provare la soffocante sensazione d’ansia, dovuta al peso degli impegni che li attendono.

Le hai sognate a lungo, pianificate in ogni dettaglio. Hai calcolato persino le previsioni del traffico sulle autostrade, per l’andata e il rientro dalle vacanze. Finalmente sono arrivate ed è stato fantastico.

Ma tutto finisce, anche le vacanze. E adesso? Come superare la sindrome da rientro dalle ferie? Non ti preoccupare, abbiamo 5 consigli per ricominciare al meglio e trovare subito l’entusiasmo giusto.

 

Come affrontare il rientro dalle ferie e riprendere il controllo

 

La tanto agognata pausa estiva volge al termine. La prova costume va in archivio, così come le passeggiate in riva al mare e i momenti di relax sotto l’ombrellone. Si torna in città.

Il lavoro, le corse frenetiche per rispettare gli impegni, il traffico, i bambini da portare a scuola e l’agenda che riprende a riempirsi di appuntamenti. Fermate tutto, voglio scendere.

È incredibile pensare come tutte le attività, che gestivamo con disinvoltura, ora appaiano così insormontabili. È quella che chiamano “sindrome da rientro”. Può manifestarsi come un leggero malessere e andarsene in fretta, oppure può impattare sul piano somatico e provocare depressione e disturbi fisici.

Come affrontare questa crisi, che a volte inizia a manifestarsi addirittura negli ultimi giorni di vacanza?

Puoi mitigare tutte le spiacevoli sensazioni che provi al rientro dalle ferie adottando qualche semplice accorgimento.

 

#1 Pianifica una zona cuscinetto tra il rientro dalle ferie e l’inizio del lavoro

 

Può sembrare controintuitivo, ma per rendere il rientro dalle ferie meno traumatico sarebbe buona regola prepararsi prendendolo in contropiede. Puoi farlo in 2 modi diversi.

Anticipa il rientro dalle vacanze di 2 o 3 giorni. In questo modo, puoi progressivamente ritornare alle tue abitudini ed evitare di ritrovarti catapultato dalla spiaggia all’ambiente di lavoro: un vero trauma psicologico per molte persone. Poter godere degli ultimi giorni di ferie nel tuo ambiente, aiuta a riprendere coscienza del rientro al lavoro e riduce lo stress.

Oppure, puoi recuperare le consuete abitudini senza anticipare il rientro dalle vacanze, ma con le dovute accortezze. Gli ultimi 2 o 3 giorni di ferie, cerca di ristabilire i ritmi fisiologici che ti attendono al ritorno. Per esempio, evita di andare a dormire troppo tardi o di fare mangiate e bevute eccessive. Il progressivo ripristino delle tue abitudini ti aiuta ad alleviare l’impatto tra il relax e le responsabilità che ti attendono al termine delle vacanze.

 

#2 Prenditi cura di te

 

Il rientro al lavoro può darti l’impressione di veder sbiadire i colori della vita. L’azzurro del mare, la sabbia dorata della spiaggia o le sfumature di verde della natura, tutto assume contorni in scala di grigio. È l’impatto con la città e con l’ambiente di lavoro. Tuttavia, puoi riaccendere l’entusiasmo e dipingere la tua realtà prendendoti cura di te.

La spensieratezza delle passeggiate all’aria aperta, le nuotate e l’attività fisica in generale donano una piacevole sensazione di benessere. Quindi, al tuo rientro dalle ferie non seppellirti in casa sotto strati di impegni soffocanti.

Ritagliati degli spazi in cui coltivare qualche attività sportiva. Ti aiuterà a stare meglio. Non devi pensare a chissà quale impegno. Anche una passeggiata di 30 minuti in pausa pranzo, o una corsa alla sera, prima di cena, favoriranno la riduzione dello stress, distraendoti dalle incombenze della routine a cui devi tornare ad abituarti.

Lo sport può aiutarti a ritrovare la serenità necessaria per riprendere le normali attività lavorative, ma non dimenticarti di curare anche l’alimentazione. Abbandona gli eccessi e l’assunzione di alcolici. Una dieta corretta e bilanciata avrà un forte impatto sul tuo umore e ti farà sentire meglio anche fisicamente.

 

rientro-dalle-ferie

Supera il rientro dalle ferie senza ansia e stress.

 

#3 Riparti con gradualità

 

Pronti… via. Al rientro dalle ferie è facile sentirsi catapultati nel lavoro e nelle responsabilità familiari. Tuttavia, sai che hai bisogno di una fase di acclimamento. Quindi, poniti piccoli obiettivi e datti il tempo di “decomprimere” l’effetto del ritorno al lavoro.

Per non farti risucchiare dalla mole di impegni ed evitare che si trasformino in un trauma, cerca di organizzarli e suddividerli in task più piccoli. Forse non ci pensi, vuoi solo non sentire lo stacco dai piacevoli momenti di relax di cui hai appena goduto. Però, rituffarsi a capofitto nel lavoro potrebbe avere effetti negativi da un punto di vista psicologico. Potresti sentirti ancora più stanco e demotivato.

Per superare la sindrome da rientro dalle ferie inizia con gradualità. Datti il tempo di tornare al tuo ritmo senza strafare, con la giusta calma. Evita che l’ansia condizioni le tue scelte.

 

#4 Organizza delle attività piacevoli

 

Ritornare dalle ferie non implica l’obbligo di cancellare qualsiasi attività piacevole. Non hai bisogno di aspettare mesi per tornare a vivere momenti di spensieratezza. Ogni settimana, puoi ritagliarti degli spazi in cui coltivare hobby o attività che ti diano gratificazione.

Inoltre, perché non organizzare una piccola fuga dalla città, ancora prima del rientro dalle ferie? È una strategia efficace, per attenuare l’ansia da rientro e conservare un pizzico dell’atmosfera magica che hai coltivato durante le vacanze.

È fondamentale riuscire a pianificare dei momenti dedicati al tuo benessere, che rendano più dolce il ritorno alle responsabilità lavorative. Non sei un condannato ai lavori forzati e puoi rivivere le sensazioni positive delle tue vacanze, programmando attività che ti facciano stare bene. Una gita in montagna, un pomeriggio sul lago, qualche ora alla SPA, sono numerose le opportunità che la vita quotidiana può offrirti per vivere momenti piacevoli.

 

#5 Sforzati di pensare positivo

 

La sensazione di tristezza è frequente e piuttosto normale al rientro dalle vacanze. Tuttavia, focalizzarsi troppo sulle splendide sensazioni passate, può sfociare in una forma di depressione e nell’incapacità di riadattarsi alla quotidianità. Accade perché ti soffermi a vedere il bicchiere mezzo vuoto.

Un’ottima strategia è quella di pensare positivo e considerare quanto di buono possiamo portare a casa dopo le vacanze. Ti sei rilassato, hai ricaricato le pile, visto luoghi incantevoli e vissuto momenti di spensierata felicità.

Lascia perdere la nostalgia e concentrati sull’energia e l’entusiasmo riconquistati. Riversali nelle tue giornate. È una spinta per tornare al lavoro serenamente, consapevoli di poter pianificare momenti piacevoli con il partner o la famiglia, in qualsiasi momento. Pensare positivo contrasta lo stress e alimenta l’autostima. Una reazione a catena che ti farà stare subito meglio.

 

Rientro dalle ferie: riparti con slancio

 

Stai pensando che tutti i consigli del mondo non potranno mai riavvolgere il tempo e riportarti nei luoghi di vacanza da cui non saresti più voluto tornare. Eppure, bastano piccole accortezze e un po’ di pianificazione, per far riemergere il sorriso e tornare alla quotidianità con l’entusiasmo giusto.

Il rientro dalle ferie rende difficile concentrarsi sul lavoro, perché ogni volta che prendi lo smartphone e vedi la foto di quella splendida spiaggia, la nostalgia subentra. Evita di alimentare il malumore e limita le distrazioni. Pensa alle meravigliose sensazioni che il futuro ti riserva. Devi solo ritagliarti il tempo per pianificare nuove mete da raggiungere, per rilassarti e divertirti.

Concentrati sui pensieri positivi e lascia andare i sintomi ansiosi che succhiano le tue energie. Inizia a organizzare il tuo prossimo viaggio. Un consiglio? Visitare Dublino: 5 cose da non perdere.

0 Condivisioni

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

Comments

comments

Post Raccomandati