Quando valuti un’offerta di energia per la tua casa, ti trovi spesso di fronte a due opzioni: tariffa luce prezzo fisso o indicizzato. La scelta giusta dovrebbe corrispondere alle tue necessità e al tuo stile di vita. Per questo, come per la maggior parte delle altre decisioni che dovrai prendere, la conoscenza è potere.

Se sai quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna opzione, puoi ponderare meglio la tua scelta. Ma non solo, tuteli il budget dedicato alle utenze domestiche e provi maggiore soddisfazione nei confronti della tariffa luce offerta dal tuo fornitore.

Dunque, i contratti luce a prezzo bloccato convengono davvero? O sarà meglio optare per un’offerta a prezzo indicizzato? Dipende da molti fattori, non si tratta solo di comparare le diverse proposte sul mercato. Ragioniamoci insieme e arriviamo alla risposta che stai cercando.

 

Le differenze tra tariffa luce prezzo fisso e indicizzato

 

Con una tariffa luce a prezzo fisso il fornitore di energia ti garantisce che il costo per kWh sarà sempre lo stesso per tutta la durata dell’offerta sottoscritta. Anche quando i prezzi di mercato oscilleranno, avrai la certezza di pagare solo quanto pattuito.

Invece, nel caso di tariffa luce indicizzata, il prezzo per kWh cambierà in base alle variazioni del mercato. Questo può essere un vantaggio, perché in corrispondenza di un calo dei prezzi all’ingrosso potrebbe risultare più conveniente di una tariffa bloccata. Ma ci sono dei “però” e li vedremo a breve.

Tieni presente che l’importo della bolletta elettrica continuerà a fluttuare a seconda della quantità di energia che utilizzerai. La tariffa a prezzo fisso riguarda i kilowattora, non la spesa complessiva mensile.

Quando parliamo di prezzo per kilowattora puoi vederne l’impatto sulla tua fattura alla voce “spesa per la materia energia”. È un importo che pesa molto sulla tua bolletta (circa il 50%) e comprende:

  • quota fissa, indipendente dai consumi;
  • quota componente energia, composta dai costi di acquisto dell’energia, di dispacciamento e di perequazione, sostenuti dal fornitore.

 

Le altre componenti della bolletta, come i costi per il trasporto dell’energia elettrica, la gestione del contatore, gli oneri di sistema, ecc., sono stabiliti dall’ARERA. Quindi, non cambiano da un fornitore all’altro.

Dunque, è la quota componente energia quella da osservare con attenzione: varia in base alla scelta di una tariffa luce a prezzo bloccato o indicizzato, poiché si riferisce al costo di vendita della materia prima. Ergo, dipende proprio dal prezzo che l’energia elettrica acquisisce sul mercato degli scambi all’ingrosso.

Individuata la componente principale su cui i fornitori luce e gas costruiscono le loro offerte di vendita al dettaglio, vediamo quali sono i pro e i contro di scegliere una tariffa luce a prezzo fisso.

 

Tariffa luce prezzo fisso: vantaggi e svantaggi

 

In un mercato in cui i prezzi dell’elettricità sono molto volatili, ovvero sono imprevedibili e in continua variazione, una tariffa luce a prezzo fisso ti tutela dalle fluttuazioni. Anche se i prezzi dell’elettricità aumentano, continuerai a pagare il prezzo più basso fino alla scadenza del tuo contratto.

I vantaggi delle tariffe luce a prezzo bloccato sono:

  • coerenza e affidabilità, non sarai mai sorpreso da un improvviso aumento dei prezzi dell’energia. Questo ti permette di tutelare le tue finanze e ridurre gli imprevisti;
  • tutela del budget per le utenze domestiche. Finché sei consapevole delle tue abitudini di consumo, e ne tieni traccia con l’autolettura, è più facile stimare l’importo della bolletta elettrica e pianificare il tuo budget di conseguenza.

 

Tuttavia, le tariffe luce a prezzo fisso presentano anche degli svantaggi:

  • se il prezzo dell’energia sul mercato all’ingrosso diminuisce, rimarrai bloccato a pagare un prezzo più alto fino alla scadenza del contratto;
  • se decidi di procedere alla disattivazione del contratto in essere, per interrompere la fornitura e passare a un altro fornitore, è possibile che siano previste delle penali. Naturalmente, dipendono dal contratto sottoscritto e da quanto previsto nella clausola di recesso.

 

È palese che non tutte le offerte sul mercato libero dell’energia saranno allo stesso livello per costo e convenienza. Ma puoi incrementare i vantaggi di una tariffa luce a prezzo fisso valutando con attenzione le diverse proposte.

Infatti, le forme in cui i fornitori di energia sottopongono le loro offerte a tariffa bloccata possono differire anche in base alle fasce orarie di consumo. Ma non solo, alcuni fornitori possono offrirti anche soluzioni dual fuel con l’ulteriore vantaggio di avere un solo interlocutore e una unica bolletta.

Ecco perché riteniamo cruciale un’accurata valutazione delle proprie abitudini di consumo: puoi essere certo di sottoscrivere sempre il contratto più conveniente per te.

 

Tariffa luce prezzo indicizzato: vantaggi e svantaggi

 

Le tariffe a prezzo indicizzato sono soggette alle oscillazioni del mercato dell’energia all’ingrosso (PUN – Prezzo Unico Nazionale). Ciò significa che, da un mese all’altro, il prezzo per kilowattora in bolletta può aumentare o diminuire in modo significativo. Anche in questo caso ci sono vantaggi e svantaggi che vanno ponderati in base alle tue esigenze di consumo:

  • puoi ridurre i costi sostenuti per l’energia elettrica quando i prezzi sul mercato scendono, a differenza della tariffa luce a prezzo fisso che invece rimane bloccata;
  • puoi monitorare il mercato dell’energia e valutare diverse offerte in base alle variazioni del prezzo, tenendo presenti eventuali penali previste nei contratti in caso di recesso.

 

È chiaro che in un mercato dell’energia in cui i prezzi scendono, la scelta di un contratto a tasso variabile può aiutarti a ridurre le spese. Tuttavia, è sempre un rischio, perché se i prezzi di mercato aumentano, finirai per pagare di più rispetto a un contratto con tariffa bloccata.

 

tariffa-luce-prezzo-fisso-conviene

Tariffe luce a prezzo fisso: quando convengono

 

Le tariffe a prezzo bloccato offrono maggiori garanzie

 

Non è possibile asserire con certezza che la tariffa luce a prezzo fisso sia la più conveniente. Dipende dall’andamento del mercato dell’energia nel periodo di tempo in cui è attivo il contratto che hai sottoscritto.

La tua scelta si tradurrà spesso nel contenimento delle spese in relazione alle tue abitudini di consumo. Quando ti trovi nel dubbio tra scegliere un’offerta a tariffa bloccata o indicizzata, sai che stai negoziando flessibilità e libertà con affidabilità e rischio ridotto al minimo. Considerala in quest’ottica e non dimenticare di mettere sul piatto della bilancia anche il budget a disposizione e i tuoi programmi per il futuro rispetto alle esigenze della tua famiglia.

I fornitori luce e gas, che garantiscono un prezzo bloccato dell’energia, si assumono il rischio di sottostare alle variazioni delle quotazioni di mercato nel tempo. Questo vuol dire che devono essere molto affidabili, solidi e strutturati.

Gruppo Sinergy è il fornitore luce e gas che può proporti tariffe luce a prezzo bloccato, anche in base alle fasce orarie, affinché tu possa fare una scelta consapevole e senza pensieri. Siamo al tuo fianco ogni giorno, per consigliarti e aiutarti a gestire le tue utenze domestiche. Contattaci senza impegno, oppure scopri adesso le nostre offerte luce e gas dedicate alla tua casa.

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

[fbcomments]
Post Raccomandati