25 Condivisioni

Trovare un equilibrio soddisfacente tra lavoro e vita privata è lo scopo alla base del concetto di work-life balance.

Quante volte hai la sensazione che le giornate siano completamente assorbite da impegni e pensieri legati al lavoro? A lungo andare, c’è il rischio di entrare in un loop logorante, che porta a risultati disastrosi in ogni ambito. Bilanciare il tempo tra le attività professionali e quelle private è essenziale per mantenere un sano equilibrio psico-fisico.

Grandi o piccole che siano, anche le aziende hanno colto che il benessere e la soddisfazione dei collaboratori influenza la loro motivazione e, di conseguenza, la loro produttività. Per questo le iniziative di Welfare aziendale sono entrate a far parte delle strategie d’impresa: offrire ai dipendenti le condizioni migliori per lavorare alimenta le opportunità di business.

Dunque, in cosa consiste il work-life balance e come è possibile migliorarlo?

 

Work-life balance: cos’è?

 

Il termine work-life balance descrive il rapporto quotidiano tra le priorità connesse alla vita personale e professionale. Possiamo dire di avere un buon equilibrio tra vita e lavoro quando ci sentiamo soddisfatti rispetto a quanto fatto in relazione alle energie spese e agli obiettivi raggiunti.

Nonostante ci sia una stretta correlazione tra la propria vita personale e professionale, spesso questi due ambiti non corrispondo e avviene uno sconfinamento. Quando accade, possiamo essere sopraffatti da stress e tensione, che portano a uno stato d’ansia legato alla perdita di controllo.

Non esiste un vero e proprio modello da seguire, perché sono numerosi gli aspetti che influiscono sul proprio work-life balance: età, ambizioni, valori, tipo di attività svolta, ecc. Esistono, però, alcune strategie che le aziende possono implementare per aiutare i loro collaboratori, come vedremo fra poco.

Dunque, come avere un buon work-life balance?

 

Work-life balance: in cosa consiste, per i lavoratori?

 

Una recente indagine condotta da InfoJob e Gympass (ottobre 2018) ha disegnato un quadro abbastanza chiaro di cosa sia imprescindibile e motivante nella ricerca di un posto di lavoro.

Il 77% delle persone intervistate considera essenziale avere la possibilità di bilanciare la vita professionale con le necessità e i valori di quella privata. È un’esigenza evidenziata dai benefit che le persone ricercano nelle aziende, come:

  • opportunità di lavorare da casa, o con orari flessibili (smart working);
  • convenzioni aziendali, per attività sportive e assicurazioni mediche;
  • ricerca di un clima aziendale sereno e stimolante tra colleghi;
  • riconoscimento professionale per i traguardi raggiunti;
  • corretta distribuzione dei carichi di lavoro.

 

Le persone non voglio rinunciare al tempo per sé stesse, per la famiglia e i propri hobby. Tuttavia, il lavoro alimenta i bisogni di base: i soldi guadagnati forniscono cibo e riparo. Un reddito stabile trasmette sicurezza, e lavorare accresce l’autostima e fa sentire parte di qualcosa: di un gruppo.

C’è un reale bisogno di equilibrio: da un lato, sentire che il lavoro non impedisca di poter adempiere ai propri compiti familiari e alle necessità psico-fisiche di una vita salutare. Dall’altro, è altrettanto vero che l’attività professionale è indispensabile per soddisfare altri aspetti fondamentali del proprio benessere personale.

Le aziende posso fare molto per aiutare i loro collaboratori a raggiungere un bilanciamento. Ma perché gli imprenditori dovrebbero investire sul work-life balance? E come possono migliorarlo?

 

Migliorare il work-life balance: cosa puoi fare per i tuoi collaboratori

 

Un ritmo di lavoro eccessivo può essere devastante, perché rende difficile conciliare gli impegni lavorativi con quelli personali. A pagarne pegno non sono solo i lavoratori e le loro famiglie, ma anche gli imprenditori, che si trovano di fronte al calo delle performance dei loro collaboratori.

Dipendenti più felici sono anche più produttivi, e l’azienda ne trarrà beneficio. Quindi, cosa puoi fare, come imprenditore, per aiutare i collaboratori? Se il tuo personale fatica a trovare l’equilibrio tra vita e lavoro considera queste 5 efficaci strategie, per migliorare il work-life balance.

 

1) Incoraggia il personale a fare delle pause

 

Un ambiente di lavoro frenetico, fatto di scadenze e responsabilità quotidiane, sottopone il lavoratore a forti pressioni: per questo è importante incoraggiarlo a prendersi delle pause, in cui possa riposarsi e scaricare lo stress accumulato.

È proprio nei momenti di pausa dal turbinio di pensieri e azioni in cui siamo immersi, che possono emergere idee creative o soluzioni inattese. Quindi, è fondamentale che i lavoratori possano avere dei momenti in cui fermarsi e rilassarsi: stimola le loro capacità di problem solving.

 

2) Sostieni il tempo per la famiglia

 

Comprendere gli impegni famigliari dei dipendenti è un tassello fondamentale del work-life balance. Essere flessibili quando hanno bisogno di lasciare l’ufficio un po’ prima, per andare a prendere i figli a scuola, per esempio, può migliorare i rapporti e le performance.

Mostrare interesse per i bisogni legati alla famiglia, non solo contribuisce a fidelizzare i lavoratori, ma migliora la reputazione dell’azienda e il rispetto verso l’imprenditore.

 

3) Lascia la porta aperta

 

Ogni collaboratore ha le sue peculiarità e dovrà trovare il proprio equilibrio tra vita e lavoro a modo suo. Quindi, è importante che possa sentire di potersi confidare con te.

Trova il tempo per parlare con i tuoi dipendenti, valuta cosa è possibile fare per facilitarli nella ricerca del giusto work-life balance. Il loro equilibrio psico-fisico porterà armonia nell’ambiente di lavoro e una maggiore produttività.

 

work-life-balance-cosework-life-balance-cose

Cos’è il work-life balance e come migliorarlo

 

4) Parla del work-life balance

 

Incoraggia i tuoi collaboratori a raggiungere gli obiettivi entro orari stabiliti e ragionevoli. È importante spingerli verso uno stile di vita sano, che preveda il tempo per attività dedicate a sé stessi e al proprio benessere. Lasciare che, pur di raggiungere l’obiettivo, arrivino a privarsi di ore di sonno, è deleterio per la loro salute, ma anche per le loro performance lavorative.

Un team working forte ed efficace ha bisogno di persone cariche di energia e motivazione. Creare confini marcati tra le attività lavorative e la vita personale migliora i risultati in entrambi gli ambiti.

 

5) Dai il buon esempio, concedi flessibilità e non sovraccaricare

 

Parlare di work-life balance e stimolare i tuoi collaboratori a uno stile di vita sano, non basta: dovrai anche dare l’esempio. Coltiva il tuo equilibrio tra famiglia e vita aziendale, e non chiamare o inviare e-mail ai tuoi collaboratori fuori dall’orario di lavoro.

Inoltre, un approccio strategico agli orari di lavoro flessibili e al lavoro da remoto, aumenta in modo considerevole la soddisfazione, la motivazione e la produttività. Offrire dei contratti di lavoro più flessibili ai tuoi dipendenti può portare alla riduzione del turnover del personale e ridurre l’assenteismo.

Implementare queste strategie di work-life balance potrebbe non essere facile, ma lo sforzo ne vale la pena, sia per i tuoi dipendenti che per la tua azienda. Però, ricorda, senza il tuo supporto sarà difficile per i tuoi dipendenti non cadere nella trappola della frustrazione e dello stress. Di conseguenza, la produttività scenderà e avrà un impatto negativo sulle performance della tua azienda.

 

Work-life balance: l’equilibrio tra vita e lavoro alimenta il tuo business

 

Poter contare sul lavoro di collaboratori motivati e propositivi ti permette di ottimizzare le risorse e alimentare il tuo business. Aiutarli a raggiungere un adeguato work-life balance è un traguardo importante, e il tuo impegno nel raggiungerlo sarà ripagato.

Le strategie che abbiamo visto possono sembrarti il frutto del semplice buon senso, ma rifletti un attimo: quante ne stai applicando? Soffocare di lavoro i tuoi collaboratori o ritenere che il loro stato di salute psico-fisico non sia un problema tuo, finirà per incidere sulle performance della tua azienda.

Sostieni i tuoi collaboratori, aiutali a creare dei team di lavoro forti, coesi e affiatati: il loro impegno si tradurrà nel raggiungimento dei tuoi obiettivi. Se vuoi approfondire, e dare nuova energia e slancio alla tua azienda, ecco alcuni consigli in ambito di team building.

25 Condivisioni

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

Comments

comments

Post Raccomandati