I servizi streaming on demand sono arrivati in sordina, quasi non ce ne siamo accorti. Poi, nel giro di pochi anni, connessioni internet più veloci e abbondanza di device multimediali, hanno trasformato in preistoria le nostre consolidate abitudini di intrattenimento.

Chi ha vissuto l’epoca del noleggio dei film in VHS ricorda molto bene quanto fosse macchinoso poter accedere ai contenuti video. Dovevi uscire di casa e avventurarti verso il negozio di videonoleggio alla ricerca di quell’unica copia del film che volevi vedere. Riuscirci poteva richiedere tempistiche “drammatiche” e molti viaggi della speranza.

Con il passaggio dalle VHS ai DVD, sono arrivate le prime forme di interattività e contenuti extra. Ma è stato lo sviluppo di internet, e delle infrastrutture necessarie, a spianare la strada verso la digitalizzazione dell’intrattenimento.

Oggi, guardare i film in streaming è tutt’altro che complesso. Attraverso Smart TV, Smartphone o Tablet, accedi alla tua piattaforma preferita e selezioni il film, la serie televisiva, o il documentario prescelto dall’elenco dei titoli proposti. Semplice, veloce e comodo.

Ma come funzionano i servizi di intrattenimento on demand? In che modo si differenziano tra loro? Facciamo un piccolo viaggio in questo mondo in streaming e vediamo cosa considerare per scegliere la soluzione più adatta ai tuoi gusti.

 

Servizi streaming on demand: come funzionano

 

Tralasciando eccessivi tecnicismi, lo streaming è un sistema di trasmissione dei segnali audio e video che consente la riproduzione di contenuti tramite internet.

Come i viaggi della speranza in videoteca, anche l’attesa per i download infiniti è ormai un lontano ricordo. Con lo streaming dei contenuti è possibile iniziare a usufruirne mentre avviene il caricamento. Con una semplice connessione di buona qualità, puoi collegarti al servizio desiderato e goderti film, serie TV, musica, videogames, ecc.

Tuttavia, quando parliamo di streaming è bene distinguere tra due tipologie diverse: live e on demand. Coglierne la differenza è facilissimo. Lo streaming live è un contenuto in diretta, mentre lo streaming on demand è un contenuto che puoi vedere quando vuoi, poiché presente su una piattaforma dedicata. Netflix e Prime Video sono esempi di servizi streaming on demand.

Naturalmente, se un contenuto in live streaming, come una diretta su YouTube, viene registrato e caricato per essere fruibile a richiesta, diventa un contenuto on demand. Questa semplice differenziazione è fondamentale per destreggiarti tra i diversi servizi in streaming che ormai spuntano copiosi.

 

Quali fattori considerare nella scelta dei vari servizi streaming on demand

 

Prezzo. Nonostante molti contenuti siano fruibili anche gratuitamente, ti basterà infatti registrarti e attivare il tuo account, i servizi di streaming on demand hanno un costo.

Certo, il tuo budget non è un fattore trascurabile, ma la scelta non dovrebbe ricadere solo sul prezzo dell’abbonamento. Come vedremo, alcuni servizi streaming non lo prevedono neppure e consentono di acquistare solo i singoli contenuti.

Dunque, fatta eccezione per il prezzo, che non riporteremo poiché soggetto a variazioni e offerte, sono 3 i fattori chiave per determinare quale piattaforma streaming scegliere:

  • gusti personali;
  • abitudini;
  • catalogo dei titoli disponibili.

 

Cosa preferisci guardare? Film, serie TV o documentari? Sei un accanito consumatore di almeno uno di questi contenuti? Per esempio, snobbi i programmi della TV tradizionale e ogni sera ti piacerebbe goderti la puntata di una nuova serie?

In base a quanto prevedi di usufruirne, la scelta potrebbe ricadere su servizi streaming on demand in abbonamento o a consumo. Ma non solo, le tue abitudini potrebbe influenzare la scelta in base al device sui cui vedrai i tuoi contenuti. Se adori guardarli dal Tablet o dallo Smartphone, allora le relative App dovranno essere davvero performanti e funzionali.

E infine, a chi non piacerebbe avere a disposizione una moltitudine di titoli tra cui scegliere? L’ampiezza del catalogo offerto dalle piattaforme streaming ha un peso molto rilevante, se non vuoi rischiare di ritrovarti annoiato a girovagare tra i titoli già visti e quelli che non ti ispirano.

Sei hai ben chiaro l’uso che vorrai farne e vuoi passare all’intrattenimento in streaming on demand, ecco i principali servizi tra cui potresti scegliere.

 

servizi streaming on demand

Le tue abitudini d’intrattenimento sono la chiave per scegliere il migliore servizio streaming on demand

 

Netflix

 

Netflix è il portabandiera dello streaming. La selezione di contenuti è impressionante, con nuovi titoli ogni settimana. Trovi docuserie e film, ma è sulle serie TV originali che Netflix non ha ancora rivali. Produce contenuti di grandissimo successo, come La regina degli scacchi, Mindhunter, The Umbrella Academy, Unbelievable, Black Mirror, Orange Is the New Black e molti altri.

L’abbonamento Premium, top di gamma, offre quattro stream simultanei e l’accesso a contenuti 4K, ove disponibili. Puoi vedere Netflix su Smart TV, Computer, Smartphone e Tablet, in pratica, ovunque.

 

Amazon Prime Video

 

Prime Video offre piani in abbonamento con due livelli di accesso ai contenuti: un abbonamento Amazon Video, che include solo i contenuti della libreria n streaming di Amazon, oppure l’abbonamento con Amazon Prime, con contenuti Prime Video e una tonnellata di altri vantaggi.

L’iscrizione inizia con un periodo gratuito di 30 giorni. Come Netflix, anche Amazon si è concentrato sulla produzione di spettacoli originali di alta qualità, come Hunters, The Marvelous, ecc. Nonostante Netflix abbia una libreria di contenuti più ricca, Prime Video è un’ottima alternativa e propone sia titoli a noleggio che in acquisto.

Inoltre, offre la possibilità di aggiungere altri servizi in streaming on demand a pagamento, come Infinity o StarzPlay, per arricchire l’offerta senza dover accedere ad altre applicazioni.

 

Rakuten TV

 

Disponibile in Italia da circa 3 anni, Rakuten TV presenta un’ampia selezione di titoli, ma non propone iscrizioni in abbonamento. Puoi acquistare contenuti video, sempre disponibili nel tuo account, o noleggiare a breve termine serie TV e film on demand.

Infine, Rakuten offre anche una selezione di contenuti premium gratuiti, grazie alle collaborazioni con partner pubblicitari. Come Amazon Prime, Rakuten consente di ampliare il catalogo dei titoli con servizi streaming on demand come StarzPlay ed è disponibile su tutti i dispositivi: Smart TV, Smartphone, PC, Mac, tablet, console e Google Chromecast.

 

Chili TV

 

Chili TV è una buona alternativa italiana a Netflix e Prime Video. Permette di guardare film e serie TV in streaming, ma senza abbonamento. Paghi solo quello che vedi. Puoi noleggiare, o acquistare, i tuoi titoli preferiti e i prezzi variano a seconda del contenuto e della qualità di visione in streaming: SD (Definizione Standard), HD (Alta Definizione), oppure HD+ (Altissima Definizione). Puoi vedere i contenuti di Chili TV su un massimo di 5 dispositivi diversi, tra Smart TV, Smartphone, PC, tablet e Chromecast.

Esistono molti altri servizi di streaming on demand, con qualità e funzionalità simili a quelli appena elencati, come Infinity di Mediaset o Now TV. Quest’ultimo è un servizio streaming di SKY, che offre la possibilità di acquistare e noleggiare film, serie TV ed eventi sportivi live. Puoi effettuare acquisti a consumo, o in abbonamento, a un prezzo variabile in base all’utilizzo che ne farai: su device mobile o TV.

 

La sfida dei servizi streaming on demand: il contenuto originale vince su tutto

 

Cambiano le modalità con cui fruiamo dell’intrattenimento che meglio appaga i nostri gusti, ma non variano le leve su cui basiamo le nostre scelte. Infatti, il successo dei servizi streaming on demand dipende, in gran parte, da ciò che offrono nella loro libreria di titoli disponibili.

Siamo feroci consumatori di tutto ciò che ci permette di viaggiare con la mente stando a casa, poiché possiamo rilassarci, sognare, vivere avventure incredibili e distrarci dalla vita quotidiana. Ecco perché i servizi di intrattenimento in streaming stanno investendo molto nella produzione di contenuti originali di alta qualità. The Boys di Amazon, o Stranger Things di Netflix, vincitore di numerosi Emmy, sono solo alcuni esempi di questa politica commerciale.

Ma, oltre allo streaming su richiesta, sono sempre più popolari le opzioni di servizi TV in diretta. Qualche esempio?

YouTube TV. Un hub che racchiude oltre 80 canali e offre opzioni di archiviazione in cloud DVR, consentendo di registrare i programmi preferiti e riprodurli in streaming ovunque tu vada. Non è ancora presente in Italia, ma il suo arrivo potrebbe rimescolare le carte in tavola nel mercato dei servizi in streaming.

Oppure, Twitch TV. La piattaforma streaming di Amazon che sta spopolando con la trasmissione di video live o preregistrati. Nata per condividere la passione dei videogiochi con gli e-sports, oggi Twitch TV offre canali con diverse tematiche, dalla musica ai talk show. Dunque, sembra intenzionata a non arrestare la sua scalata verso il grande pubblico. Se vuoi saperne di più, in questo articolo trovi le informazioni che ti servono: cos’è e come funziona Twitch TV, la piattaforma streaming videoludica.

Insomma, il futuro dell’intrattenimento in streaming, che sia on demand o live, è in divenire continuo e le novità non mancheranno. La lotta per la conquista della tua attenzione è in corso e potrai beneficiarne con offerte variegate e sempre più comode da usufruire. Ora tocca a te. Quale servizio streaming sceglierai per allietare le tue serate?

scritto da

Alessandro Lerin

Blogger e copywriter, trasformo in concetti concreti ciò che interessa agli utenti. Supporto inoltre piccole e medie imprese che vogliono mettere in evidenza i propri punti di forza.

[fbcomments]
Post Raccomandati